034. Menare il can per l’aia: una riflessione di inizio estate

Risultati della settimana

Tassi di conversione che ricominciano a salire grazie ad Adwords (6.5% circa anche per inglese). Acquisto due nuovi pacchetti (in realtà uno è un cliente a cui era scaduto l’abbonamento – però ridotto churn). Continua a salire leggermente traffico SEO in inglese.

Wins

  • FounderCafe Call (risposta di Rob alla mia domanda sulla giornata tipo di un CEO bootstrapped: product, PM, vision, operatività)
  • SEO (pagine + sistema linking) e SEM (ri-attivazione campagna in inglese)
  • prima integrazione sistema SMS
  • guest post di cinema
  • tutorial native app (+ video in prima persona)

Fails

  • webinars (manco toccati)
  • video “mastering mobile marketing”

Menare il can per l’aia

Che vuol dire? Girare a vuoto senza combinare niente e ottenere i risultati attesi (origine e significato doppio: cane da caccia nell’aia / cane – animale leggero – per schiacciare il grano nell’aia).

In che senso?

  1. I risultati non arrivano
  2. Il cane comunque “lo meno” ma (visti i due significati):
    1. l’aia è troppo piccola (uscire della comfort zone – ad esempio partnerships)
    2. il cane è troppo leggero (fare cose più “pesanti” – ad esempio ‘sti benedetti webinar)

Programmi

  • vacanza (ci vediamo tra due settimane)
  • lanciare prima versione sistema SMS
  • preparare sistema webinars
  • Mastering Mobile Marketing (primi video)
  • iniziare a pensare alle partnership
Category : Podcast
Tags :